Facebook | Instagram

× HOME CHI SIAMO EVENTI E MOSTREFIICCONTATTI

Fil Rouge. Contro la violenza di genere

Una mostra che espone le opere di 30 illustratori e graphic designs, contro la violenza di genere

Dal 12 al 30 ottobre 2020



Sono diverse le sensibilità e le riflessioni che gli artisti partecipanti al “Fil Rouge”, progetto multimediale sostenuto dall’UMSE Sviluppo rete dei servizi-Pari opportunità e inclusione di Trento e dalla Fondazione Caritro, hanno messo in campo per descrivere il tema della violenza di genere e in particolare quello della violenza inconsapevole. A idearlo l'Associazione di promozione sociale Dismisura che, consapevole di quanto l'arte possa aiutare a contrastare la violenza di genere, ha invitato illustratori e graphic designers a tradurre in opere digitali le sofferenze di chi subisce violenza, per lo più donne.
Ottanta le opere pervenute e trenta quelle selezionate da un'attenta giuria artistica. Le opere digitali, stampate su carta di pregio fine art, saranno godibili fino al 31 ottobre presso lo Spazio FoyEr di Trento.

Gli artisti – chi esordiente e chi professionista affermato nel campo dell'illustrazione – hanno affrontato questo difficile argomento in modo non convenzionale e risulta coinvolgente il dialogo, apparentemente illogico, tra le opere e i testi letterari e le citazioni che affiancano le opere in forma quasi di didascalie.

Si spiega così il significato di “Fil Rouge”: perché al termine della mostra, uscendo dallo Spazio  FoyEr, il visitatore si trova a ricostruire la narrazione, per ritrovare quel filo rosso che inconsciamente unisce piccole azioni quotidiane dove può annidarsi la violenza. Una violenza che si può subire oppure infliggere, «ma è nel silenzio, così come nell’indifferenza, che si insinua con maggior forza» scrive Emilia Bonomi, responsabile del progetto.
Immagini e parole suggeriscono così al visitatore spunti narrativi diversi, che stimolano una riflessione personale che parte direttamente dalla singola esperienza, che invitano a lasciare un pensiero sul quaderno messo a disposizione nello Spazio FoyEr. Perché è solo chi osserva che può riempire i vuoti che sono stati lasciati tra immagine e parola.
Per gli interessati catalogo in distribuzione.

Per poter garantire la miglior tutela dei visitatori ed evitare al massimo il rischio di contagio, lo Spazio FoyEr ha attivato le necessarie misure di sicurezza per il contenimento del COVID-19. È obbligatorio l’uso della mascherina.

…e durante la mostra, nello Spazio FoyEr
- 23 ottobre, ore 18: reading “La scimmia” di Maura Pettorruso;
- 28 ottobre ore 18: incontro "Conversando di violenza di genere” con Barbara Poggio, prorettrice alle Politiche di Equità e Diversità dell’Università di Trento;
- 30 ottobre ore 18: finissage con incontro sull’illustrazione;
tutti i giorni: installazione "Quotidianità".

Gli artisti in mostra: Davide Baroni, Paolo Beghini, Sylvie Bello, Elisabetta Benfatto, Isabella Bersellini, Davide Bonazzi, Federica Bordoni, Mirko Camia, Johnny Cobalto, Fabio Consoli, Alessandra De Cristofaro, Andrea De Santis, Chiara Fedele, Chiara Ghigliazza, Joey Guidone, Elisa Macellari, Carla Manea, Marina Marcolin, Mauro Mazzara, Michela Nanut, Giulia Neri, Giulia Orecchia, Giulia Pastorino, Giordano Poloni, Francesco Poroli, Irene Rinaldi, Guido Scarabottolo, Elisa Seitzinger, Luisa Tosetto, Ilaria Urbinati.











Spazio Foyer - Via G. Galilei, 26 - 38122 Trento / spaziofoyer@gmail.com / Tel. +39 338 7924402
Copyright © 2021 - APS Dismisura / CF 96103580229 / Trasparenza / Privacy e Cookie Policy / web project by crushsite.it